Saut Hermès 2019 - Flying Horse
17477
post-template-default,single,single-post,postid-17477,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Saut Hermès 2019

L’ordine del giorno era di chiudere la categoria 115 in maniera decorosa, prendere un aereo per Parigi e assistere al Grand Premio del Saut Hermès 2019. Ovviamente nulla è andato secondo piano. La gara è andata male, l’aereo è stato perso ma fortunatamente, grazie al media coverage esemplare, lo spettacolo del Saut Hermès viene portato dentro a casa nostra. La sensazione non è di certo quella che si ha seduti sotto la cupola di vetro alta 45m del Grand Palais, ma i contenuti digitali prodotti dalla maison garantiscono di vivere insight speciali anche dallo schermo del proprio smartphone.

Il tema del decimo Saut Hermès al Grand Palais, il 22, 23 e 24 marzo 2019, è il sogno: il sogno di superare se stessi, sogni di sorpresa ed eccitazione, il sogno di un evento in cui selle ed ostacoli prendono il volo liberandosi nell’aria sotto la volta celeste.

19 nazioni, 130 cavalli, 72 dei migliori cavalieri a livello mondiale. La 10° edizione del Saut Hermès al Grand Palais di Parigi, con i suoi giochi di luci e ombra riflessi sul campo gara preparato dallo chef de piste spagnolo Santiago Valera Ullastres, ha saputo sorprendere ancora una volta gli appassionati di show jumping di tutto il mondo. Divenuto oramai un evento anche sui social media, l’hashtag #SautHermès raccoglie 23,520 posts, innumerevoli stories e sul profilo Instagram della maison e si ha la possibilità di assistere live al Grand Premio con vista 9:16.

Scorrendo il profilo si scopre il lancio della nuova sella da salto Viva Vivace, lavorata dalle mani sapienti dei maitres selliers Hermès. Offre un’impareggiabile sensazione di vicinanza tra cavallo e cavaliere ed è adatta ai cavalieri che amano essere fuori dalla sella quando saltano, combinando un avanzato bilanciamento in avanti con stabilità e comfort.c

Poi ancora, dodici cavalli bianchi e neri attraversano l’arena, spinti da una straordinaria energia. Agilità e forza orchestrate in tandem da Lorenzo e Nathalie Shaw. Per la prima volta il performer equestre, i suoi cavalli insieme a un primo violino con orchestra da camera hanno unito il loro talento in una performance – L’envol – creata in esclusiva per il Saut Hermès al Grand Palais.

Infine il volto sorridente del francese Simon Delestre su Hermès Ryan, che per la seconda volta di fila vincono il Gran Premio Hermès al Grand Palais. Un finale perfetto.

Se volete ripercorrere insieme le ultime edizioni del Saut Hermès, trovate i contenuti dedicati qui, qui e qui 🙂 Enjoy!



cookies law