Come proteggere il nostro cavallo dal caldo - Flying Horse
17230
post-template-default,single,single-post,postid-17230,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Come proteggere il nostro cavallo dal caldo

Nessun dubbio, l’estate è una stagione meravigliosa, ma quando le temperature raggiungono i 40 gradi, la prima cosa che mi chiedo è come fare superare al mio cavallo questa ondata di caldo. Il pericolo che gli possa venire un colpo di calore è infatti 10 volte superiore al limite stabilito per noi essere umani. Per questo motivo è fondamentale approcciare gli allenamenti durante questa stagione con particolare cautela. La temperatura base del cavallo è di 37-38 gradi. Se supera i 41 gradi si possono calcolare ca 43 gradi di temperatura muscolare e c’è il rischio che l’equino inizi a bruciare le proprie proteine.

Il cavallo disidratato non reagisce tanto diversamente dall’essere umano, con stanchezza e debilitazione. Fatica durante la fase di lavoro, recupera lentamente, gli capita di barcollare e il polso è debole, la respirazione superficiale. Un facile test aiuta a riconoscere il suo livello di deidratazione: un piccolo pizzicotto sulla pelle della spalla. Se il tessuto non si stende con facilità nel giro di tre secondi, la probabilità che il nostro cavallo sia deidratato è molto alta.

Ecco allora alcuni consigli su come superare al meglio le giornate estive.

  1. Acqua a volontà e sempre a disposizione, anche al paddock. Meglio se arricchita con elettroliti.
  2. Non allenarsi sotto il sole cuocente. D’estate fa molto caldo appena il sole è alto in cielo, evitiamo dunque di montare dalle ore 11 alle ore 18 ca. Meglio montare molto presto la mattina oppure tardi la sera.
  3. Il cavallo deve avere la possibilità di muoversi liberamente al paddock. Durante l’estate evitiamogli però le ore più calde e assicuriamoci, che abbia sempre la possibilità di rifugiarsi all’ombra oltre ad avere sempre l’acqua a disposizione.
  4. Anche i cavalli possono bruciarsi, soprattutto i bianchi e i grigi oppure chi ha il muso rosa. Esistono spray con protezioni solari, che ci aiutano a proteggerli dalle scottature.
  5. Sono da evitare le coperte anche se possono proteggere da fastidiosi moscerini. Nel caso non si riesce a rinunciare bisogna essere pronti a tenere d’occhio il cavallo per accertarsi che non si raccolga troppo calore sotto la coperta.
  6. Se il cavallo si surriscalda, portiamolo subito all’ombra e facciamogli una doccia fresca partendo dai piedi in su per evitare uno shock dovuto allo sbalzo di temperatura.
  7. Se il cavallo dovesse collassare chiamare immediatamente il veterinario!
  8. Quando laviamo i nostri cavalli con queste temperature, ricordiamoci che una veloce spruzzata d’acqua alle gambe non aiuta. Meglio inumidire tutto il corpo aiutandosi con la spugna e poi togliere l’acqua con la stecca. Ripetere più volte facendo durare l’operazione almeno 10 minuti.


cookies law