Maison Guibert, una selleria sotto l'Arc de Triomphe - Flying Horse
17059
post-template-default,single,single-post,postid-17059,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Maison Guibert, una selleria sotto l’Arc de Triomphe

All images by Maison Guibert

 

Dalla selleria, alla pelletteria fino ad arrivare a seta e gioielleria, Maison Guibert riesce a dare forma, stagione dopo stagione, allo stile equestre alla francese. L’idea di Pierre Guibert, cavaliere appassionato nonché patron del brand, sin dall’inizio è stata infatti quella di creare un punto di riferimento dell’eccellenza francese nel mondo equestre. Questa ricerca della perfezione nel mondo dell’equitazione richiede che ogni passo nella progettazione di prodotti e nella lavorazione della pelle sia destinato a una clientela altrettanto appassionata. Oltre al proprio marchio, Guibert offre una selezione eccelsa di altri brand specialisti del settore.

Flyinghorse ha incontrato Pierre per una chiacchierata empatica nella sua elegante boutique selleria al 22 di Avenue Victor Hugo, a due passi dall’Arc de Triomphe di Parigi.

Chi è Pierre Guibert e cosa l’ha portato ad aprire la sua selleria nel 1999 in un mercato francese molto competitivo?

Sono un cavaliere appassionato e il mio obiettivo era quello di avere il meglio della tradizione e la modernità all’accesso di tutti in un luogo molto speciale. Un ritorno all’eccellenza, che deve essere l’obiettivo originale del sellaio in termini di materiali e qualità della produzione. Il concetto di modernità ci aiuta sin dall’inizio a prestare attenzione al comfort del cavallo, alla sensazione tra cavallo e cavaliere, all’armonia tra di loro. Il nostro risultato è un prodotto di lusso molto tecnico.

Come è nata questa passione?

Vengo da una famiglia di cavalieri e tutto è iniziato con un pony quando ero bambino. Come spesso accade, mi sono fermato quando ero adolescente e per caso a 23 anni un amico mi ha invitato a fare una passeggiata fuori a Deauville. 10 secondi dopo essere salito in sella, la passione era tornata. Era la stessa sensazione della mia infanzia e ho in quell’istante decisi di non perdermela mai più.

Parlaci dei tuoi cavalli. Dove sono scuderizzati?

Il mio cavallo Satin è scuderizzato nel bellissimo Etrier de Paris. Ha 10 anni, è molto grazioso e un po’ sensibile. L’Etrier de Paris si trova nel cuore del Bois de Boulogne, a 10 minuti da casa mia e dal mio ufficio vicino all’Arc de Triomphe. Mi permette di montare ogni mattina alle 7:30 come se vivessi in campagna. Il mio cavallo precedente, July 19 anni, un mix molto piacevole tra cavallo dominante e bravo ragazzo, ora è in pensione in Normandia, a 1 ora da Parigi. Ha una vita molto piacevole: paddock durante il giorno, scuderia di notte.

Per cosa sta lo Stile di vita equestre alla francese?

Per me è un mix molto francese tra qualità, purezza del design e funzionalità.

Qual è il tuo look equestre quotidiano e cosa indossi durante i concorsi?

Cerco sempre un’eleganza sobria, che significa capi aderenti e materiali tecnici.

Quando monto a casa, indosso i miei stivali da equitazione fatti su misura Guibert Paris, pantaloni Guibert in softshell dal taglio dritto, una maglia a collo alto Cavalleria Toscana e, a seconda del tempo, un softshell o blouson aderente del marchio italiano. Indosso sempre il casco, anche mentre lavoro in piano. Collaboriamo con il brand inglese Charles Owen e possiedo il modello AYR8 in nero.

Per la gara: i miei stivali da equitazione Guibert neri su misura, i pantaloni bianchi Guibert in softshell, taglio dritto realizzato con uno straordinario materiale traspirante, antivento, elastico e anti-polvere, insieme alla mia camicia Guibert di Cavalleria Toscana. Grazie ai nostri ottimi rapporti, il team di Cavalleria ha infatti deciso di lavorare su un mio suggerimento per la camicia Guibert. La indosso sempre con la cravatta di seta Guibert Jumping che viene fornita con un sistema brevettato per fissarla sulla camicia insieme alla mia giacca da concorso nera Cavalleria Toscana.

Se dovessi scegliere un prodotto Maison Guibert da portare su un’isola deserta, quale sarebbe?

La mia borsa, una borsa Fontes in pelle nera. Ispirato alla borsa da sella Fontes, è un autentico prodotto Guibert Paris: materie prime naturali come il nostro cuoio, purezza del design, stile e funzionalità senza tempo. Siamo nati come sellaio, quindi il nostro mondo gira intorno al cuoio, alla conoscenza del sellaio e, naturalmente, al cavallo. A partire da questo punto, tutti gli sviluppi sono molto logici e includono bellissimi articoli in pelle.

Com’è nata la collaborazione con Ginette NY?

Lo stesso showroom di New York rappresenta Maison Guibert e Ginette NY. È qui che Frédérique Dessemond, la talentuosa designer di Ginette NY, ha scoperto il nostro universo pochi anni fa. Si innamorò immediatamente dei nostri prodotti senza tempo e del know how di sellaio. Alcuni sono stati sorpresi dall’incontro delle nostre realtà contrastanti: da un lato un marchio molto di tendenza e dall’altro un sellaio di lusso. Ma Frédérique Dessemond ha immediatamente compreso il potere e la forza di Maison Guibert, presta molta attenzione a rispettare il nostro DNA e portare un tocco di fantasia ai nostri prodotti senza tempo. In effetti, la collaborazione è nata in modo molto naturale e semplice.

Chi è il cliente Maison Guibert?

Siamo abbastanza fortunati da avere una clientela internazionale. La nostra boutique in Avenue Victor Hugo è situata in un quartiere molto alla moda dove gli equestri incontrano i non-rider perché amano il nostro universo. Vengono dalla Francia e dai 5 continenti: Nord e Sud America, Asia, Europa, Medio Oriente, Australia e Africa. Siamo molto orgogliosi di rappresentare uno dei benchmark equestri internazionali e il nostro modello di comunicazione online aiuta sicuramente a mettere in mostra il nostro mondo.

I Quartieri sono simboli geometrici di origine militare disegnati sul posteriore del cavallo mediante stencil i quali, spazzolando il pelo contro il verso naturale di crescita, danno origine ad una luminosità alternata contro l’aspetto opaco e quindi formano un determinato motivo. Ideati nel XVI secolo l’obiettivo dei quartieri era quello di impressionare i reggimenti avversari.

Potete scoprire il mondo di Maison Guibert qui, qui e qui 🙂

  • La pulizia del cavallo, in gergo tecnico, viene detta grooming, dall'inglese to groom, che significa governare. Per indicare tutte le operazioni quotidiane grazie alle quali il cavallo viene tenuto pulito e in forma, in italiano si parla infatti di "governo del cavallo”....

  • Date un'occhiata alle meravigliose sculture equestri in ceramica di Emma Tate e sarete d'accordo, che il suo lavoro è certamente unico nel suo genere....

  • Ho acquistato un paio di nuovissimi staffili da salto Devoucoux, meticolosamente prodotti a mano nei Paesi Baschi, al sud della Francia. I miei erano consumati e, dal momento che possiedo una sella Biarritz nera super confortevole del brand, la scelta è automaticamente caduta sul loro prodotto....

  • Flyinghorse è atterrato a Gleneagles, “Glorious Playground” per appassionati di equitazione, sporting estate e luxury destination in Perthshire, Scozia. ...



cookies law